Tamati è il neonato progetto da DJ/Producer di Tommi Villa, resident del party Le Cannibale di Milano. Ormai eternamente prigioniero tra le mura del Politecnico di Milano, Tommi è già architetto, e si sta specializzando in progettazione tecnologica ambientale. Le sue produzioni musicali sono invece caratterizzate principalmente da sonorità house e disco, che si ripercuotono sui djset, durante i quali ama spaziare tra i vari sottogeneri in tutte le loro sfumature. E’ appena stata pubblicata la prima release ufficiale: un remix per Joe T Vannelli, sulla sua etichetta Dream Beat. Adesso non rimane che discutere la tesi per la magistrale…

THE PIVOT-ish QUESTIONNAIRE

  1. Qual è la tua parola preferita? Mozzarella, ma lo sentite come suona soave ?
  2. Qual è la parola che odi di più? “Ti faccio sapere” …Ok, non è una parola sola, ma è fastidiosa!
  3. Cosa ti eccita creativamente, spiritualmente o emozionalmente? Il cibo! Quanto è bello andare nell’orto, raccogliere direttamente il frutto della terra, pensare a cosa cucinare, mettersi ai fornelli e godersi il risultato ?! Incredibile.
  4. Cosa invece ti schifa? L’istruzione da architetto ricevuta al Politecnico, così scolastica e legata quasi unicamente alla filosofia progettuale italiana di sessant’anni fa.
  5. Qual è la parolaccia, bestemmia o insulto che preferisci? Ho un ricchissimo vocabolario a mia disposizione, meglio non approfondire.
  6. Un suono o un rumore che ami? Il suono della risacca.
  7. Un suono o un rumore che odi? Le ciabatte altrui sul parquet la mattina presto.
  8. Che professione oltre alla tua avresti voluto tentare? E quale non vorresti mai fare? Vorrei aprire un chiosco sulla spiaggia, pasta fresca di giorno, cocktail bar la sera, con la musica a fungere da fil rouge. Non vorrei mai fare l’architetto!
  9. Se Dio esistesse, che cosa vorresti che ti dicesse, dopo la tua morte? “Adamo è stato il primo architetto e DJ, per questo motivo vi ho puniti”.
  10. Se TOM fosse un [fill in the blank] quale sarebbe e perché? Se TOM fosse un piatto italiano sarebbe una pizza: gustosa, divertente, piace a tutti !